garantiert_suedtirol_apfel_speck_kaese

L’ingrediente indispensabile? La qualità.

logo-apfel-it
Mela Alto Adige IGP
Massima qualità, garantita e certificata
Sono ben 13 le varietà di Mela Alto Adige che dal 2005 hanno ricevuto il marchio IGP dall’Unione Europea: maturate nel frutteto più grande d’Europa, hanno un gusto e una qualità impareggiabili. Baciate da oltre 2.000 ore di sole l’anno, rinfrescate dall’aria di montagna e coltivate nel rispetto della natura in una delle oltre 7.000 aziende famigliari dell’Alto Adige, diventano succose e aromatiche e, superati i controlli di un organismo indipendente, meritano il nome Mela Alto Adige IGP. Garanzia di origine, naturalezza e massima qualità.
 
logo-speck
Speck Alto Adige IGP
La qualità è garantita dai controlli

Per meritare il marchio IGP, lo speck deve essere prodotto in Alto Adige seguendo un preciso disciplinare, e deve superare controlli severi durante ogni fase della lavorazione: basti pensare che ognuno dei 30 produttori del Consorzio Tutela Speck Alto Adige riceve almeno due visite al mese da parte di un ispettore. Lo Speck Alto Adige ottiene la denominazione di origine europea IGP solo se:

• viene prodotto con cosce di suino magre
• la salmistratura avviene a secco con una miscela di spezie segreta e diversa per ciascun produttore
• è affumicato con legna poco resinosa e a max. 20 °C
• la stagionatura è di min. 22 settimane
• il contenuto salino è inferiore al 5% nel prodotto finito
 
logo-stiflser
Formaggio Stelvio DOP
Origine, tracciabilità e sicurezza garantite dal marchio DOP
Solo il latte delle mucche che pascolano in Alto Adige diventa Formaggio Stelvio DOP. E solo se viene lavorato entro 48 ore e secondo i metodi tradizionali. Il disciplinare di produzione è molto severo e richiede il rispetto di procedure rigorose e il superamento di continui controlli di qualità, che iniziano dal latte conferito per la produzione e terminano con la prova di stagionatura. Il Formaggio Stelvio merita la denominazione di origine europea DOP solo se:
• viene prodotto esclusivamente da caglio di vitello e con l’aggiunta di fermenti coltivati
• viene girato e lavato due volte la settimana con la soluzione salina e la microflora autoctona definite dal disciplinare
• viene stagionato su tavole di legno per almeno 62 giorni